Italiano | Shaking | Qualcos'altro sulle sessioni di shaking

Una sessione di shaking inizia con una meditazione silenziosa e/o con il canto da seduti del Gayatri mantra. 

Durante lo shaking, cantiamo il Gayatri mantra tutti insieme. Facciamo il possibile per ‘sintonizzarci’ così da poter cantare come se fossimo una persona sola.

 

Meditazione

La meditazione è una parte molto importante della pratica. Ci connette all’Essere o all’Anima. Meditiamo con energia.

Per connetterci, mettiamo per qualche minuto entrambe le mani sulla testa e sentiamo l’energia che attraversa il corpo, dopodiché le riportiamo in posizione. Se sentiamo di aver perso la connessione possiamo usare questa tecnica per ristabilirla. Cerchiamo di trovare una posizione seduta confortevole per non distrarci.

Durante la meditazione ripetiamo silenziosamente il mantra Om Swastiastu Ratu Bagus o il Gayatri mantra.

 

Cerchi

Durante gli ultimi venti minuti della sessione, formiamo dei cerchi concentrici tenendoci per mano e continuando a shekare. All’ashram, se shekiamo all’esterno, formiamo dei cerchi intorno al tempio, se ci sono abbastanza persone formiamo due cerchi.

I cerchi sono composti da una persona al centro, il cerchio successivo è formato da tre persone, poi da cinque, il successivo è di otto persone, poi di dodici. Se ci sono persone a sufficienza formiamo più cerchi e cerchiamo di tenerli il più vicino possibile ai cerchi interni. È preferibile formare più cerchi esterni con le braccia tese che avere i cerchi esterni troppo lontani dal centro.

L’energia è più forte nei cerchio centrale. Se avete un processo, siete incoraggiati a spostarvi il più possibile al centro così da poter ricevere il massimo beneficio. Se sentite di voler stare al centro, fatevi avanti senza problemi.

Ratu desidera che i cerchi vengano formati il più velocemente possibile così da non perdere energia. Se ci mettiamo troppo tempo, perdiamo la possibilità di continuare con la massima energia. Quindi ognuno di noi è chiamato ad essere il più veloce possibile.

Nei cerchi, è importante che le mani siano ben unite. Se l’energia è molto forte, cerchiamo di rimanere connessi piuttosto che lasciare ai nostri blocchi la possibilità di tagliarci fuori dall’energia e rompere il circolo.

 

Bhajan

La sessione si conclude con il canto dei seguenti mantra e bhajan:

Gayatri mantra x11
Om Shanti Shanti Shanti Om
Hare Ganesha x3
Om Dum Durgayei Namaha x11
Mahadeva x3
Om Shanti Shanti Shanti Om

Potete approfondire l’argomento mantra e bhajan cliccando su questo link: I mantra e i bhajan dell’Ashram


Qui trovate un video con la registrazione dei mantra e dei bajan insieme ad alcune impressioni dall’ashram.



vai a Shaking